mercoledì 2 settembre 2009

Videocracy: un film-documentario che forse non vedremo mai

Ho deciso di pubblicare questo trailer solo perché sta subendo boicottaggi senza precedenti, infatti sia Rai che Mediaset hanno deciso di mandarlo negli ultimi giorni ha aggiunto anche il no di Fabrizio Corona. Le motivazioni?
  • La Rai sostiene che il film contiene un messaggio politico di parte;
  • Mediaset ha giudicato il contenuto del film-documentario come un attacco alla televisione commerciale, quindi non è adatto ad essere mandato su quelle reti;
  • Corona che non potrebbe firmare la liberatoria.
Questo lavoro il 4 settembre sarà nei cinema (almeno spero). Probabilmente andrò a vederlo, spero sinceramente di essere in una sala piena.

Ciò che mi da particolarmente fastidio è il fatto che nel 2009 ancora si censuri un prodotto che dovrebbe essere visto anche per avere un diverso punto di vista; capisco la riluttanza della tv commerciale, ma la TV di stato (RAI), pagata con il canone, credo che non abbia di questi problemi, per giunta si tratta solo di un trailer, quanta paura può mettere!

Credo fermamente che il pubblico, fino a prova contraria, abbia un cervello per decidere aldilà di ciò che vede in televisione, però, a quanto sembra, taluni personaggi hanno paura di questo ed anziché accettare le critiche e semmai cambiare modo di approcciarsi con il pubblico, decidono deliberatamente di non mostrarle: tutto questo è vergognoso! Forza Erik Gandini. Ecco il trailer.



Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

2 commenti:

  1. Questo documentario merita di essere visto. Inaudito censurare preventivamente dal momento che le persone sono libere di interpretare quello che vedono. Ma forse la censura dimostra che effettivamente la televisione ha un fortissimo potere nel condizionare la gente

    RispondiElimina
  2. Grazie per aver contribuito al blog. Sono d'accordo pienamente con il tuo commento.

    RispondiElimina

I commenti prima della pubblicazione saranno controllati e se reputati offensivi o con contenuto scurrile e ineducato non saranno pubblicati.
Qualora non vediate subito il vostro post pubblicato, non disperate perché probabilmente non sono al computer o perché non corrispondono ai canoni della decenza nel senso che sono scurrili, ineducati, offensivi o contenenti riferimenti o immagini pedo-pornografiche o pornografiche.

I commenti Anonimi non saranno più accettati

ciao