lunedì 3 agosto 2009

Assurdità italiana

Non saprei come descrivere l'Italia, certo è possibile cantarne il glorioso passato di uomini illustri, scienziati ed artisti e la storia; ma come descrivere gli ultimi 40 anni; soprattutto come descrivere gli ultimi 17 anni, con particolare occhio alla politica che giorno per giorno sta rosicchiando un pezzetto di dignità all'Italia.

Giusto l'altro giorno guardavo in tv la cosa su quello che doveva essere un opera senza precedenti, quasi un miracolo, che avrebbe evitato interminabili code, ma come spesso accade la realtà è molto diversa dalla fantasia: se non sbaglio ventiquattro ore di coda! La beffa si aggiunge al danno quando per uscire dall'autostrada bisogna anche pagare, si perché altrimenti scatta la multa, ma per i disservizi non paga mai nessuno, come dire: "il cetriolo a volte vola basso..." e per questo bisogna stare attenti perché sappiamo bene dove può andare a finire.

La Salerno-Reggio Calabria, invece, il terrore del vacanziere, l'incubo del camionista, e quant'altro quasi non fa più notizia... eh si perché nessuno sa a che punto sono i lavori, nessuno sa quante corsie sono aperte finquando non ti ci trovi sopra, imbottigliato nel traffico, sotto il sole per venti ore e vedi avvicinarsi alla macchina una persona che ti dice: "prego prenda dell'acqua" sottintendendo che si starà li ancora per molto. Lì per lì sei anche contento perché dici: "che bello danno l'acqua gratis"... gratis un corno perché la si paga abbondantemente con le tasse, con i giorni persi nel traffico, con la strada che si sta costruendo, imprecando sicuri che anche questa volta i responsabili la faranno franca.

L'ospedale nuovo di Agrigento che dovrà essere evacuato perché costruito con materiali non adatti tanto da rischiare un crollo in caso di terremoto forse anche li, a quanto si legge dalle cronache, vi sarebbe più sabbia che cemento nei pilastri. Quanto è costato questo ospedale? Chi li ha presi i quattrini? Il danno per lo tutti noi è economico ma la beffa si aggiungerà quando non si sapranno dove smistare i 400 malati che sono ricoverati.

Oggi, leggendo i quaotidiani, una sorta di brivido mi è salito lungo la schiena, ciò che mi ha colpito sono state le parole di Gianfranco Fini che di nuovo ha richiamato il Governo che, attraverso i maxi emendamenti, rischia di esautorare le Camere dei loro poteri. Silenzio assoluto invece da Schifani. Chissà quanto sia convenuto ad AN confluire nel PdL.

Tutto ciò mi fa pensare al preiodo fascista quando piano piano giorno pergiorno l'Italia diventava più fascista, adesso questo pericolo non c'è solo perché non so come chiamare questo periodo forse "puttanista"? Il fatto che Fini richiami il Governo la dice molto ma molto lunga.

Nel frattempo dal basso ci si organizza attraverso la rete e lo ha capito benissimo Tonino Di Pietro che, a quanto sembra farà fronte comune con il Movimento di Liberazione Nazionale capeggiato da Grillo, reduce del no secco del PD, nel quale confluiranno con molta probabilità i "delusi dell'autunno".

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti prima della pubblicazione saranno controllati e se reputati offensivi o con contenuto scurrile e ineducato non saranno pubblicati.
Qualora non vediate subito il vostro post pubblicato, non disperate perché probabilmente non sono al computer o perché non corrispondono ai canoni della decenza nel senso che sono scurrili, ineducati, offensivi o contenenti riferimenti o immagini pedo-pornografiche o pornografiche.

I commenti Anonimi non saranno più accettati

ciao