Presidente Napolitano sciolga le camere

Non so se il Presidente della Repubblica possa, in condizioni particolari, assumere poteri presidenziali, non so se possa decidere di sciogliere le camere, però una cosa è certa qualora vi fosse un momento migliore sicuramente sarebbe questo.

In Italia abbiamo un presidente del Consiglio dei Ministri che è travolto da uno scandalo senza precedenti, in problemi giudiziari in parte prescritti, la poca chiarezza sull'Abruzzo e tanto altro; l'evasione fiscale, attraverso il decreto anticrisi, sarà legalizzata a breve e tutto sarà perdonato pagando quella che chiamo "la washing machine tax"; Bossi che di tanto in tanto partorisce delle idee che non sono "né in cielo né in terra" ultimo (rivelatasi una bufala) il test di dialetto per i professori dato che la maggior parte degli insegnanti al nord viene da regioni meridionali essi devono conoscere, comunque, la cultura della regione, dimenticando che siamo in Italia e la lingua ufficiale è l'italiano fino a prova contraria essi dovrebbero conoscere la cultura italiana non quella di ogni singola regione; il maggiore partito di opposizione, il PD, pensa solo al congresso e quel poco di opposizione è andata praticamente a "farsi friggere", non solo ma prede consensi ad ogni dichiarazione che rilascia; Di Pietro e i suoi continuano la loro opposizione durissima al limite dell'ostruzione, ma ritrovano sempre meno spazio sui media.

In Italia, insomma, nulla è come dovrebbe essere: non è necessario un veggente per capire che il paese sta andando a gambe all'aria per la mancanza di riferimenti politici seri. Gli italiani non possono scegliersi neppure i rappresentanti: se qualche pubblico cittadino vuole farsi avanti come ha fatto Beppe Grillo per la guida di un partito, tutti conoscono il clamoroso epilogo.

A questo punto, caro Presidente Napolitano, a cosa servono due Camere (Deputati e Senato) se non governa nessuno quindi prenda Lei, gentile Presidente, le redini dello Stato e cerchi di ristabilire una parvenza di serietà alla nostra Italia e mandare definitivamente a lavorare questa gente che ha ridotto in nostro Paese  nella pietosa situazione in cui si trova. Certo ci sarebbe il rischio di ritrovarceli di nuovo, grazie alla "grandiosa" legge elettorale che abbiamo, ma in ogni caso lo scioglimento delle camere sarebbe un segnale fortissimo.

Quando ho scritto questo appello credevo che non si potesse scendere più in basso, la mia ingenuità è stata rafforzata quando è stato bocciato dalla Corte Costituzionale il "Lodo Alfano", ma oggi, 18 novembre 2009, sono costretto ad aggiornare il mio appello viste le proposte scelerate del processo breve che il Governo cerca di far passare come necessarie ad un paese che è all'empasse giudiziario, quindi si decide di eliminare i processi di tutti per salvare Mr B.

Il PD finalmente ha il nuovo segretario, Bersani, ma tutti chiedono a gran voce meno poteri per D'Alema: chissà perché. La nuova linea sembra quella del passato che mira a ritornare ad essere i primi della classe quelli che non protestano mai o lo fanno dando il famoso "colpo al cerchio e una alla botte", ma sono sempre pronti a dire noi c'eravamo quando le cose si mettono bene. Si continua, quindi, nella dolce opposizione.

Non ci sono nemmeno i nazionalisti di una volte quelli con cui si poteva discutere seriamente: quelli di adesso sembrano cloni non si sa bene di chi, tanto sono tutti uguali.

Sembra quasi di essere ritornati, buon Presidente, al periodo in cui si ironizzava sulla canzone di Orietta Berti "Finché la barca va".

Adesso è il momento di non lasciar più andare la barca avanti: sciolga le camere.   
Caro Presidente, credo si sia irritato anche se non vi sono note che lo rendono noto: tutti minacciano le elezioni anticipate anche se non possono farlo dato che è Lei, gentile Presidente, ad avere questo potere.

Quale momento migliore? Mentre loro minacciano, Lei le sciolga sul serio cosi impareranno anche che "a scherzare con il fuoco prima o poi si resta scottati".

23 Luglio 2011, riaggiorno con rammarico questo appello alla luce degli ultimi scandali che ci stanno portando alla deriva mi riferisco a Tremonti, l'arresto di Papa, il mancato arresto di Tedesco, la Guardia di Finanza, ecc. ecc.

Presidente, rifacendomi ad uno slogan recente: "se non ora quando!?"

Copia il codice sotto per inserire il banner nel tuo sito o nel tuo blog:


Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

Commenti

  1. UNO CHE SCRIVE QUESTE COSE E' ALTAMENTE IGNORANTE PERCHE' NON CONOSCE I POTERI DEL PRESIDENTE INOLTRE ACCAMPA DELLE SCUSE TUTTE DA DIMOSTRARE FINO A PROVA CONTRARIA. OLTRETUTTO DIMOSTRA CHIARAMENTE DI FARE SOLO DEI COMMENTI POLITICI DI PARTE. VERAMENTE PENOSO!!!

    RispondiElimina
  2. Beh era una provocazione che ha colpito nel segno comunque grazie per aver partecipato

    RispondiElimina
  3. Per anonimo,

    Se ti riferisci a Bossi da poco hanno detto che si tratta di una bufala, anche se non mi meraviglierebbe che Bossi potesse dire una cavolata del genere. In ogni caso non serve scaldasi tanto e solo un post!

    RispondiElimina
  4. Sta mattina tutti hanno detto che è una bufala, quindi bisogna prenderne atto ed ammettere che, di fatto, la notizia era un po' strana, ma in ogni caso è vero, come si legge dal decreto che coloro che dovranno diventare insegnanti dovranno sostenere un colloquio, lo ha ribadito questa mattina un rappresentante della Lega ad "Omnibus" su la7 dato che: "il 100 del Politecnico di Milano è sucuramente certo" aggiungo non lo è il 100 del Politecnico di Napoli? Siamo sempre sullo stesso punto.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti prima della pubblicazione saranno controllati e se reputati offensivi o con contenuto scurrile e ineducato non saranno pubblicati.
Qualora non vediate subito il vostro post pubblicato, non disperate perché probabilmente non sono al computer o perché non corrispondono ai canoni della decenza nel senso che sono scurrili, ineducati, offensivi o contenenti riferimenti o immagini pedo-pornografiche o pornografiche.

I commenti Anonimi non saranno più accettati

ciao