Berlusconi sfiorato dallo schiaffo di Napolitano

Sarebbe potuto andare peggio l'iter della Legge Alfano bloccata da Napolitano prima che giungesse al Senato, infatti, il Presidente della Repubblica avrebbe potuto dare uno "schiaffo" e restituire la legge al mittente senza firmarla in modo da far vacillare maggiormente la già debole posizione di Berlusconi che non si sa con quale faccia arriverà al G8 che in molti scherzando hanno ribattezzato il G7 e mezzo, ma secondo la logica di evitare gli strappi tra le istituzioni, il Quirinale ha optato per una scelta meno dolorosa.

A quanto sembra se fosse passata così com'è attualmente ci sarebbero stati, secondo Napolitano, scontri violenti e pericolosi tra le istituzioni e i giornali, la giustizia e le forze dell'ordine. Quindi anziché bollare la legge come incostituzionale al termine del suo iter, ecco la convocazione di Alfano al Colle.

Il Presidente, a quanto pare, ha chiesto al titolare del Dicastero della Giustizia se avessero intenzione di porre la fiducia al Senato, ma Alfano sembra che abbia risposto no quindi si avvarranno della Commissione Giustizia.

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

Commenti